Lo splendido gol di Antongiovanni non basta per fermare la capolista

Domenica allo stadio Comunale “Daniele Berni”, davanti ad una cornice di quattrocento persone, si sono affrontate il Siena e la Rondinella.
Pubblico caldo che fin dalle prime battute prova a spingere i padroni di casa verso il gol. I bianconeri, nei primi quindici minuti, si presentano poche volte vicino alla porta difesa da Pecorai. Gli ospiti tengono bene e ripartono in contropiede proponendo anche un buon gioco. A prendersi la scena infatti, contro ogni aspettativa, è la Rondinella.
Al 12′, dopo una respinta su calcio d’angolo, sul pallone si avventa Ferrmaca. Il mediano tenta il tiro al volo di sinistro ma la palla termina alta di poco.
Al 18′ è ancora la Rondinella a farsi avanti. Antongiovanni addomestica la sfera e dalla trequarti scaglia un bolide di controbalzo. La palla si insacca sotto l’incrocio dei pali sbloccando il risultato.
La risposta del Siena, però, non si fa attendere. Dopo appena dieci minuti, al 30′, Ricciardo vince il rimpallo dentro l’area e offre la sfera sui piedi di Masini. Il numero sette bianconero, a botta sicura, buca Pecorai.
Ristabilita la parità.
Il Siena mantiene il ritmo alto e i biancorossi provano a contenere le avanzate. Al 40′ sono ancora i padroni di casa a smuovere il risultato.
Boccardi serve Galligani. L’11 bianconero punta la difesa ospite e di punta spedisce il pallone sotto l’incrocio. Il pubblico di casa esplode al vantaggio locale.
Il secondo tempo si apre con la Rondinella che prova ad agguantare il pareggio. I padroni di casa gestiscono e si mostrano tosti ad ogni iniziativa biancorossa.
Occasioni pericolose sembrano non arrivare. Poi, al 78′, palla filtrante per Antongiovanni. L’attaccante biancorosso tenta il tiro di prima con il piede debole. Conclusione alta.
La Rondinella prova l’assalto finale ma la difesa senese rompe ogni speranza ospite.
Un’ottima gara non basta alla Rondine. La partita termina 2-1 per il Siena.

Inno Rondine Biancorossa